La Cisl spezzina lancia la proposta di un patto per il lavoro "che non lasci indietro nessuno"

E sulla questione Leonardo chiede nuove risorse, anche dal Pnrr, per assunzioni e formazione.

Assemblea territoriale Ast-Cisl, questa mattina a Porto Lotti, alla presenza tra gli altri del sindaco Peracchini, del presidente dell'Autorità portuale Sommariva e del segretario generale Cisl Liguria Luca Maestripieri.

Durante la sua relazione, il responsabile territoriale Ast Cisl La Spezia, Antonio Carro, ha analizzato la situazione che sta vivendo il territorio spezzino lanciando una proposta importante: "La Cisl chiede un vero Patto per il Lavoro formato e sottoscritto da tutte le parti sociali e le istituzioni che consenta, ma davvero, di non lasciare indietro nessuno e che ponga un argine fino ad impedire, programmando insieme un rientro, l'ulteriore allargamento della fascia di povertà cui sono caduti, e teniamolo ben presente, molti nostri concittadini".



Poi Carro si è soffermato su diversi temi, dalle infrastrutture alla sanità, mettendo anche l'accento sulla vicenda della ex Oto Melara (Leonardo): "Abbiamo registrato positivamente la mobilitazione dell'intera città a sostegno dei lavoratori contro la ventilata ipotesi di spacchettamento e vendita di questo sito produttivo di importanza strategica del nostro territorio".


"Da questo punto di vista non mancherà mai la nostra azione sindacale nel cercare di unire gli stakeholders economici, ma soprattutto istituzioni e politici, per intraprendere un'azione di sensibilizzazione per intercettare nuove risorse anche da PNRR da investire soprattutto per assunzioni mirate di personale e formazione specifica", ha concluso Carro.


 

Advertising
Advertising


Autore: CISL 19-01-2022 18:02




 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Donazione paypal

Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!