Prelievi minerari nel levante ligure, la contrarietà della Lega

Secondo Medusei e Garibaldi non si può mettere a richio un territorio tanto fragile e di così grande valore ambientale.

“Il Governo ha dato il via libera ai sondaggi minerari nella zona compresa tra il Tigullio e lo Spezzino, anche se Regione Liguria, Città Metropolitana di Genova, i Comuni della Val Petronio e della Val di Vara, con tutte le associazioni ambientaliste, hanno sostanzialmente espresso parere contrario. In consiglio regionale la Lega ha votato a favore dell’ordine del giorno che impegna la giunta ad adoperarsi in tutte le sedi affinché non vengano consentite le attività di studio, ricerca ed estrazione", affermano i consiglieri regionali della Lega Gianmarco Medusei (presidente dell’Assemblea legislativa della Liguria) e Sandro Garibaldi (vice capogruppo).

"Il valore paesaggistico ambientale, la particolarità e la fragilità degli ecosistemi in Val Petronio e Val di Vara, anche con i loro prodotti biologici, non possono essere messe a rischio per autorizzare lavori di scavo, studio e ricerca di risorse minerarie, anche perché in questi luoghi non si potrà permettere alcuna attività estrattiva”, concludono.



Advertising
Advertising







 

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Donazione paypal

Condividi!

Fai conoscere questa notizia anche ai tuoi amici!